Camere CMOS ZWO con finestra AR o UV-IR CUT

Camere CMOS ZWO con finestra AR o UV-IR CUT
Luca Fornaciari Astrofotografia Fotografia Adobe

lezioni private e corsi in aula?

Mi dedico per professione alla formazione in campo grafico e fotografico da diversi anni, con una specializzazione nella fotografia notturna e nell’astrofotografia. Ho creato sito, canale YouTube e comunità Facebook e Telegram per aiutare con contenuti liberi e accessibili a tutti, ma se cerchi una formazione mirata per imparare in modo professionale e chiaro teoria e tecniche su strumenti e software, contattami per ricevere formazione diretta con lezioni in streaming o aule di gruppo.

Le camere astronomiche CMOS di ZWO vengono prodotte con una finestra a protezione del sensore che può essere di tipo AR o di tipo UV-IR cut.

In questi anni mi è capitato spesso di ricevere domande su quale tipo di finestra montasse quella o quell’altra camera. Ricordo che fosse anche girato in rete per un breve momento un elenco simile a quello che sto per proporvi, ma pur avendolo ricercato più volte non sono mai stato in grado di ritrovarlo.

Ho scelto per ora di creare l’elenco delle camere ZWO unicamente per la loro diffusione. Non sono particolarmente orientato verso ZWO più di QHY o altre marche, ma questo sarà senz’altro l’elenco di maggior interesse. In futuro provvederò in caso di richieste a costruire anche quelli delle altre aziende.

Andiamo per gradi: differenze tra finestra AR e UV-IR cut

Le camera astronomiche hanno sempre una finestra sovrapposta al sensore fotografico che, pur consentendo il passaggio della luce, lo protegge dalla polvere e lo isola in un ambiente che possa essere correttamente deumidificato e raffreddato per le nostre immagini a lunga posa.

Il tipo di vetro che protegge il sensore fotografico può essere di due tipologie principali.

Il vetro di tipo AR è un normale vetro antiriflesso che non interviene sullo spettro passante, consentendo al sensore quindi di poter rilevare l’intero spettro a lui visibile. Potremmo fare un paragone con una reflex modificata full spectrum, per intenderci.

Il vetro di tipo UV-IR cut invece interviene anche sullo spettro passante, eliminando le estremità dell’ultravioletto e dell’infrarosso.

Qual è l’utilità di una finestra UV-IR cut?

Come quando modifichiamo le reflex con le note modifiche Baader o Super UV-IR cut, andiamo a bloccare il passaggio di frequenze che potrebbero ostacolare la nostra ripresa. Un filtro UV-IR cut non limita il passaggio della parte dello spettro che ci interessa nelle riprese di astrofotografia deep sky. Bloccando però il passaggio di UV e IR permette di evitare, ad esempio, che nei rifrattori l’IR possa focalizzarsi in un punto diverso dal resto dello spettro visibile andando a rovinare le nostre fotografie.

Tutto potrebbe esservi più chiaro osservando le curve di trasmissione delle due finestre:

Trasmissione della finestra AR
Camere CMOS ZWO con finestra AR o UV-IR CUT
Trasmissione della finestra UV-IR cut
Camere CMOS ZWO con finestra AR o UV-IR CUT

Attenzione: quella che vedete qui è la curva di trasmissione della sola finestra. Ovviamente per conoscere l’effettivo spettro a noi visibile dovremo verificare la curva di trasmissione del sensore fotografico che sta sotto e che stiamo utilizzando.

L’elenco delle camere CMOS ZWO con finestra AR o UV-IR CUT

Veniamo quindi al dunque. Non riuscendo a ritrovare quel vecchio elenco che riassumeva la tipologia di finestra sulle varie camere astronomiche CMOS, ho pensato di ricostruirvelo così che possiate consultarlo con facilità.

  • ASI071MC Pro: finestra AR
  • ASI1600MM: finestra AR
  • ASI1600MM Pro: finestra AR
  • ASI294MC Pro: finestra AR
  • ASI183MC Pro: finestra AR
  • ASI183MM Pro: finestra AR
  • ASI183MC: finestra AR
  • ASI183MM: finestra AR
  • ASI174MM Mini: finestra AR
  • ASI178MC: finestra IR-cut
  • ASI178MM: finestra AR
  • ASI385MC: finestra AR
  • ASI290MC: finestra AR
  • ASI290MM: finestra AR
  • ASI290MM Mini: finestra AR
  • ASI224MC: finestra AR
  • ASI120MC-S: finestra IR-cut
  • ASI120MM-S: finestra AR
  • ASI120MM-MINI: finestra AR
  • ASI533MC Pro: finestra AR (D32-2-AR)
  • ASI183GT: finestra AR (D32-2-AR)
  • ASI1600GT: finestra AR (D32-2-AR)
  • ASI2600MC Pro: finestra AR (D60-2-AR)
  • ASI6200MM Pro: finestra AR (D60-2-AR)
  • ASI6200MC Pro: finestra AR (D60-2-AR)
  • ASI2400MC Pro: finestra AR (D60-2-AR)
  • ASI462MC: finestra AR (D21*1.1 AR)
  • ASI294MM Pro: finestra AR (D32-2-AR)
  • ASI2600MM Pro: finestra AR (D60-2-AR)
  • ASI482MC: finestra AR (D25-1-AR)
  • ASI485MC: finestra AR (D25-1-AR)

Tra parentesi trovate un codice specificato da ZWO che ne identifica il modello preciso.

Cose importanti da sapere

Le informazioni che costituiscono l’elenco e la loro attendibilità, sono state estratte dalle schede tecniche del sito ZWO.

Come possiamo vedere la maggior parte delle camere astronomiche CMOS attualmente in commercio monta vetri AR. Ciò significa che durante i nostri utilizzi dovremo montare almeno un filtro UV-IR cut (assimilabile ad un filtro di luminanza). Proprio come faremmo su una reflex modificata full spectrum. La possibilità però di vedere le parti più esterne dello spettro può permetterci di utilizzare queste camere con vetro AR anche per riprese particolari. Riprendere le nubi di Venere richiede una ripresa UV, ad esempio. Potremmo volere invece effettuare riprese planetarie in IR.

Inutile dire che queste particolari applicazioni devono poi essere consentite dal tipo di sensore che stiamo utilizzando. Non è questo il contesto dove confrontare camere deep sky con camere di ripresa planetaria o le differenti curve di trasmissione che le differenziano. Ricordiamoci però che ogni sensore a caratteristiche che determinano l’utilizzo che ne faremo e che non basta avere una finestra AR per garantirci di poter effettuare buone riprese IR o UV.

Il produttore rivende teoricamente anche i vetri sfusi delle finestre. In linea teorica, anche se non trovo grande convenienza in questa cosa, sarebbe possibile cambiare tipologia di finestra nella nostra camera astronomica CMOS. L’elenco dei vetri lo trovate qui.

Chiaramente vi sconsiglio nel modo più assoluto di eseguire direttamente l’intervento e in generale di aprire la vostra camera. Se avete proprio necessità di sostituire la finestra protettiva, l’intervento andrebbe fatto in un ambiente controllato e da personale esperto che possa garantirvi di non far entrare polvere nella camera del sensore.

Luca Fornaciari

Luca Fornaciari

Formazione grafica e fotografica.
Scopri di più sui miei corsi, eventi e servizi.

Luca Fornaciari Astrofotografia Fotografia Adobe

i miei contenuti ti aiutano?

Tutte le attività a tema astronomico sono sviluppate e condivise gratuitamente (a esclusione dei corsi di formazione). Se apprezzi questi contenuti, con l‘iscrizione al canale YouTube o il mi piace sulla pagina Facebook sosterrai la loro diffusione. E’ una motivazione per me a continuare e un piccolo gesto di apprezzamento.

Cosa potrebbe aiutarti?

Sul sito trovi altri spunti che potrebbero esserti di aiuto in astrofotografia:

nel mio portfolio trovi le immagini suddivise per strumentazione (ottiche, filtri, camere astronomiche). Nella sezione download puoi scaricare i dark delle camere astronomiche CMOS che ho testato, mentre nella pagina dei moduli puoi calcolare rapidamente diverse grandezze utili per l’astrofotografia amatoriale.

Don`t copy text!

Per lezioni, eventi e collaborazioni

CONTATTAMI

in caso di mancata risposta scrivi per sicurezza a lucafornaciari@outlook.com

contact us

Consigli per acquisti e utilizzo della strumentazione?

Cerchi lezioni in streaming?

Nessun evento trovato!