Astrofotografia sulla nebulosa planetaria PK 104-29.1

Astrofotografia sulla nebulosa planetaria PK 104-29.1 PK 104-29.1 (Jones 1) planetary nebula nebulosa planetaria con Quasar [VV2006] J233604.7+302355 - Bicolor HOO con Ha 3nm e Oiii 3.5nm, con Sky-Watcher 300/1200 f/4 su EQ8R-Pro e ZWO ASI 294MM
Luca Fornaciari Astrofotografia Fotografia Adobe

i miei contenuti ti aiutano?

Tutte le attività a tema astronomico sono sviluppate e condivise gratuitamente (ad esclusione dei corsi di formazione). Se apprezzi questi contenuti ricorda che l‘iscrizione al canale YouTube o il mi piace sulla pagina Facebook potrà sembrarti superfluo, ma aiuta la diffusione dei contenuti che preparo e premia il mio impegno. E’ una motivazione a continuare e un piccolo gesto di apprezzamento.

Quest’anno ho dedicato qualche notte di astrofotografia sulla nebulosa planetaria PK 104-29.1, un oggetto di profondo cielo debole ma davvero affascinante.

La nebulosa fu scoperta da Rebecca Jones nel 1941. La Jones scoprì diversi oggetti astronomici tra gli anni ’30 e gli anni ’40 del secolo scorso, condividendone alcune con Richard M. Emberson.

Identificabile nella costellazione Pegaso, questa nebulosa planetaria si trova a circa 2300 anni luce dal nostro pianeta, dove una stella nelle ultime fasi di vita ha espulso un guscio di materiale ionizzato che oggi possiamo fotografia principalmente con filtri selettivi OIII.

Astrofotografia sulla nebulosa planetaria PK 104-29.1 Planetary nebula nebulosa Planetaria PK 104-29.1 con Quasar [VV2006] J233604.7+302355 Canale Oiii a 3.5nm con Sky-Watcher 300/1200 f/4 su EQ8R-Pro e ZWO ASI 294MM
Caratteristiche della nebulosa

La prima notte di astrofotografia l’ho infatti dedicata all’acquisizione dell’ossigeno ionizzato, utilizzando un telescopio newtoniano Sky-Watcher 300 f/4 e un filtro Antlia OIII da 3.5 nanometri.

La nebulosa PK 104-29.1 (o Jn 1) è la nebulosa planetaria numero 1502 inserita dagli scienziati Luboš Perek e Luboš Kohoutek nel loro catalogo verso la fine degli anni ’60. Ha un’estensione di circa 5,3 primi e una magnitudine di 15,1. Se volete scoprire qualcosa in più su questi scienziati e sulla storia della scoperta delle nebulose planetarie, vi consiglio di seguire il mio progetto video/fotografico che trovate qui, in alternativa anche le versioni video sul canale YouTube.

L’oggetto risulta abbastanza rarefatto, ma con un buon diametro riuscirete senz’altro a distinguerla nel mare di stelle circostanti. Ed è proprio in questo mare di stelle che potrete impreziosire la vostra fotografia identificando a poca distanza (prospettica) dalla nebulosa una quasar.

Quasar [VV2006] J233604.7+302355

Una quasar lontana, pensate, ben 10,2 miliardi di anni, eppure, con una magnitudine compresa tra 19 e 15 (a seconda della banda selezionata) è un puntino ai confini dell’universo visibile che potrete identificare su un’immagine di astrofotografia amatoriale. Questo perché le quasar sono galassie molto particolari, che emettono al proprio centro una luce così potete da poter essere “facilmente” avvistata anche a incredibili distanze cosmiche.

Nella seconda notte di astrofotografia sulla nebulosa planetaria PK 104-29.1 mi sono poi occupato dell’idrogeno ionizzato H-Alpha, qui particolarmente carente, ma utile per montare un’immagine a colori e indispensabile per poter distinguere un piccolo guscio di gas esterno che qui notate in basso a destra rispetto al centro della nebulosa.

nebulosa planetaria PK 104-29.1 PK 104-29.1 planetary nebula jones 1nebulosa planetaria con Quasar [VV2006] J233604.7+302355 - Bicolor HOO con Ha 3nm e Oiii 3.5nm, con Sky-Watcher 300/1200 f/4 su EQ8R-Pro e ZWO ASI 294MM

Ho mantenuto la grafica con i dati della quasar aggiungendo un indicatore in minuti d’arco per avere un’idea dell’estensione angolare della nebulosa. Nel mio portfolio trovate comunque una versione senza scritte.

Note per astrofotografia

Nome: PK 104-29.1
Catalogo: PK 104-29.1, Jn 1
Tipologia: nebulosa planetaria
Periodo per fotografarla dall’Italia: estate e autunno (agosto/ novembre)
Lunghezza Focale consigliata rispetto ad un sensore APS-C da 23.6×15.6mm: da 1000 mm in su
Reflex modificata: la parte di idrogeno ionizzato è debole, la parte intensa è OIII che non richieste un sensore modificato.

Luca Fornaciari

Luca Fornaciari

Mi chiamo Luca Fornaciari e mi occupo di formazione grafica e fotografica.
Scopri di più sui miei corsi, eventi e servizi.

Cosa potrebbe aiutarti?

Sul sito trovi altri spunti che potrebbero esserti di aiuto in astrofotografia:

nel mio portfolio trovi le immagini suddivise per strumentazione (ottiche, filtri, camere astronomiche). Nella sezione download puoi scaricare i dark delle camere astronomiche CMOS che ho testato, mentre nella pagina dei moduli puoi calcolare rapidamente diverse grandezze utili per l’astrofotografia amatoriale.

prossimi eventi

Nessun evento trovato!
Carica altro

lezioni e corsi?

Mi dedico per professione alla formazione in campo grafico (specialmente industriale) e di fotografia generale, con una specializzazione nella fotografia notturna, soprattutto nell’astrofotografia deep sky.

 

Tra questo sito, il canale YouTube e le comunità Facebook e Telegram che ho creato, cerco di fornire quanti più aiuti possa dare ai principianti nel mio tempo libero, ma se cerchi una formazione mirata per imparare in modo metodico e chiaro teoria e tecniche su strumenti e software, allora puoi contattarmi per ricevere formazione diretta con lezioni in streaming.

 

Trovi le informazioni che ti servono in questa pagina.

il blog

Don`t copy text!

CONTATTAMI

contact us