Astrofotografia sulla Nebulosa Scopa di Strega

di Luca Fornaciari

astrofotografia sulla Nuova ASI 2400 MC Pro prime prove Nebulosa Scopa della Strega NGC 6960 asi 2400 rc tecnosky rc8 banda larga l-pro optolong nebulosa velo

La nebulosa Velo è un target perfetto per l’astrofotografia e oggi vi parlo nello specifico della nebulosa Scopa di Strega, la parte occidentale catalogata con il nome di NGC 6960.

I resti di supernova sono oggetti davvero straordinari in fotografia astronomica deep sky, esibendo spesso filamenti e nuvole di gas molto scolpite e colorate. Composte principalmente da idrogeno ionizzato e ossigeno ionizzato, le supernova remnant si prestano bene anche per l’astrofotografia in banda stretta.

La velo è un target particolarmente esteso.

La stella che l’ha generata è esplosa diverse migliaia di anni fa e oggi possiamo identificarla nella costellazione del cigno, a circa 1400 anni luce dal nostro pianeta. Questa nebulosa è visibile anche in osservazione, da cieli bui e con filtri selettivi. Ricordo un’esperienza folgorante allo star party di Saint Barthelemy del 2019 dove io e alcuni amici passammo la notte ad osservarla in un dobson da 40 cm con un filtro selettivo per l’ossigeno.

Il 18 luglio 2020 inizio a testare un nuovo telescopio RC da 8 pollici di Tecnosky, scegliendo la Scopa di Strega come primo esperimento. La Scopa di Strega è la parte occidentale della nebulosa Velo e catalogata come NGC 6960, caratterizzata dalla presenza della luminosissima stella 52 Cygni, sovrapposta in prospettiva ma estranea in realtà all’oggetto nebulare.

Per la prima prova del RC8 scelgo un filtro a banda larga e mi dirigo su NGC 6960 a 1600 mm di focale con la nuova ASI 2400.
astrofotografia sulla Nuova ASI 2400 MC Pro prime prove Nebulosa Scopa della Strega NGC 6960 asi 2400 rc tecnosky rc8 banda larga l-pro optolong nebulosa velo
L’immagine che vedete è un crop per esaltare i filamenti della nebulosa Velo scattata in banda larga con L-Pro per due notti, con un totale di 103 scatti da 300 secondi a 0.77”/Pixel.

Non avevo mai scattato su questa parte della nebulosa Velo ad una focale così lunga ed è stato emozionante esaminarne i dettagli durante lo sviluppo.
La nebulosa Scopa di Strega si estende per circa 35 anni luce ed è formata, come vi dicevo, principalmente da gas ionizzato, ma una ripresa a banda larga arricchirà il vostro risultato con tutte le mille sfumature delle stelle circostanti.

Consigli per astrofotografia sulla Nebulosa Scopa di Strega NGC 6960

Nome: The Witch’s Broom Nebula
Catalogo: NGC 6960, C 34, LBN 191
Tipologia: resto di supernova
Magnitudine: 7.0
Periodo per fotografarla dall’Italia: culmina a mezzanotte verso fine agosto. E’ fotografabile indicativamente da giugno ad ottobre.
Lunghezza Focale consigliata con sensore APS-C da 23.6×15.6mm: dai 150 mm in su, per fotografare l’intera nebulosa velo. Dai 500 mm in poi per focalizzarsi sui particolari della nebulosa Scopa di Strega.
Reflex modificata obbligatoria: CONSIGLIATA, nonostante l’abbondante presenza di ossigeno visibile anche a sensori tradizionali, sarà utile poter raccogliere la forte emissione H-Alpha dell’idrogeno ionizzato.

Luca Fornaciari

Luca Fornaciari

Mi chiamo Luca Fornaciari e mi occupo di formazione grafica e fotografica.
Clicca qui per scoprire di più sui miei corsi, eventi e servizi.

Don`t copy text!
it_ITItalian
en_USEnglish it_ITItalian

contact us

Ti servono informazioni sui servizi e sugli eventi? Contattami!

our adress:

Luca Fornaciari