Astrofotografia sulla Nebulosa Proboscide d’Elefante e sull’ammasso TR37

Nebulosa Proboscide di Elefante IC 1396 Hubble Palette SHO con H-Alpha, Oiii e Sii Antlia da 3nm e 3.5nm e Askar ACL200 APO 50mm F/4.0 e ASI 294MM
Luca Fornaciari Astrofotografia Fotografia Adobe

i miei contenuti ti aiutano?

Tutte le attività a tema astronomico sono sviluppate e condivise gratuitamente (ad esclusione dei corsi di formazione). Se apprezzi questi contenuti ricorda che l‘iscrizione al canale YouTube o il mi piace sulla pagina Facebook potrà sembrarti superfluo, ma aiuta la diffusione dei contenuti che preparo e premia il mio impegno. E’ una motivazione a continuare e un piccolo gesto di apprezzamento.

Nel mese di giugno 2021 io e Valentina partecipammo ad un bellissimo star party in Umbria sul monte Peglia, dove ci dedicammo a fare astrofotografia sulla nebulosa Proboscide d’Elefante (IC1396) e sull’ammasso TR37.

In quell’occasione, con un cielo straordinario, isolato dalle luci artificiali, provai per la prima volta il nuovo Askar 200 f/4, un’ottica interessante che avevo appena ricevuto in prova. Insieme con Valentina, realizzammo in appena 30 minuti di posa questa immagine.

Astrofotografia sulla Nebulosa Proboscide d'Elefante e sull'ammasso TR37 Nebulosa Proboscide di Elefante IC 1396 - 50 minuti con Askar ACL200 APO 50mm F/4.0 e ZWO ASI 2400
Askar 200 f/4 – ZWO ASI 2400 MC – AZEQ6-GT
L’integrazione della banda stretta

Rientrati a casa iniziai ad integrare la banda stretta utilizzando dei filtri Antlia da 3 e 3.5 nanometri, con pose piuttosto lunghe nella speranza di compensare almeno in parte una selezione così stretta sullo spettro applicata ad un diametro tanto contenuto. Fortunatamente il sottocampionamento e l’emissione abbondante di questa nebulosa diffusa hanno ugualmente prodotto un buon risultato. Dopo la prima notte di acquisizione H-Alpha ho montato subito un Ha:RGB.

Astrofotografia sulla Nebulosa Proboscide d'Elefante e sull'ammasso TR37 Nebulosa Proboscide di Elefante IC 1396 - 50 minuti con Askar ACL200 APO 50mm F/4.0 e ZWO ASI 2400 in banda larga e 300 minuti di H-Alpha da 3nm con ASI 294MM
Il montaggio dell’Hubble Palette su IC 1396

Soddisfatto dai risultati in ultra banda stretta nonostante il diametro contenuto, ho continuato aggiungendo una notte di ossigeno doppiamente ionizzato (OIII) e di zolfo ionizzato (SII), potendo così montare prima un bicolor HOO, sommando quindi un canale di idrogeno ionizzato Ha e due di ossigeno OIII, e infine una Hubble Palette SHO, assemblando in linea zolfo, idrogeno e ossigeno.

Astrofotografia sulla Nebulosa Proboscide d'Elefante e sull'ammasso TR37 Nebulosa Proboscide di Elefante IC 1396 Bicolor HOO con H-Alpha e Oiii Antlia da 3nm e Askar ACL200 APO 50mm F/4.0 e ASI 294MM
Nebulosa Proboscide di Elefante IC 1396 Hubble Palette SHO con H-Alpha, Oiii e Sii Antlia da 3nm e 3.5nm e Askar ACL200 APO 50mm F/4.0 e ASI 294MM

Facendo astrofotografia sulla nebulosa Proboscide d’Elefante e sull’ammasso TR37 ad una lunghezza focale di 200mm nel vostro campo appariranno tantissimi altri oggetti astronomici, principalmente dal catalogo LDN, il Lynds Catalog of Dark Nebulae, il catalogo di Lynds sulle nebulose oscure pubblicato per la prima volta nel 1962.

Vi mostro un’immagine presa dalla mia galleria su Telescopius per mostrarvi quanti oggetti astronomici si trovino nel campo di questa ripresa:

Astrofotografia sulla Nebulosa Proboscide d'Elefante e sull'ammasso TR37
Consigli fotografici

Vi scrivo proprio nel momento perfetto per fotografare questo oggetto, a circa metà del mese di agosto, quando la nebulosa Proboscide di Elefante culmina poco dopo l’una di notte, offrendovi una finestra ideale per poterla fotografare nelle posizioni più alte dell’anno. Non è un oggetto difficile da fotografare e sarà un ottimo esercizio anche per chi ha appena iniziato a fare astrofotografia. Infatti con una magnitudine di 3.5 e un’estensione angolare notevole, si presta bene a moltissime focali, dai larghi campi che includeranno tutte le principali nebulose oscure circostanti, fino a lunghe focali da dedicare a immagini dettagliate sulla Proboscide.

A seconda del vostro setup potrete fotografarla sia con camere OSC (a colori), con filtri a banda larga se avete un cielo non eccessivamente inquinato, o con filtri multibanda stretta se deciderete di sacrificare i colori delle stelle in favore di un maggior contrasto del gas ionizzato della nebulosa. Nella fotografia con sensori monocromatici potrete ugualmente realizzare scatti in banda larga, con o senza luminanza, o dedicarvi come in questi ultimi esempi fotografici alle composizioni in banda stretta con singoli filtri selettivi.

Su corte focali potreste sotto campionare un po’, nei limiti dell’attrezzatura che avete a disposizione, per favorire il rapporto segnale rumore su zone oscure e diffuse, mentre a lunga focale vi consiglio di scattare nella modalità a basso guadagno della vostra camera CMOS per dedicarvi al meglio a tutte le tonalità più scure che caratterizza la Proboscide.

Note per astrofotografia

Nome: Nebulosa Proboscide di Elefante
Catalogo: IC 1396 / Sh 2-131
Tipologia: nebulosa diffusa a emissione
Periodo per fotografarla dall’Italia: estate (giugno / ottobre)
Lunghezza Focale consigliata rispetto ad un sensore APS-C da 23.6×15.6mm: da 100 mm a 2000 mm
Reflex modificata: SI

Luca Fornaciari

Luca Fornaciari

Mi chiamo Luca Fornaciari e mi occupo di formazione grafica e fotografica.
Scopri di più sui miei corsi, eventi e servizi.

Cosa potrebbe aiutarti?

Sul sito trovi altri spunti che potrebbero esserti di aiuto in astrofotografia:

nel mio portfolio trovi le immagini suddivise per strumentazione (ottiche, filtri, camere astronomiche). Nella sezione download puoi scaricare i dark delle camere astronomiche CMOS che ho testato, mentre nella pagina dei moduli puoi calcolare rapidamente diverse grandezze utili per l’astrofotografia amatoriale.

prossimi eventi

Nessun evento trovato!
Carica altro

lezioni e corsi?

Mi dedico per professione alla formazione in campo grafico (specialmente industriale) e di fotografia generale, con una specializzazione nella fotografia notturna, soprattutto nell’astrofotografia deep sky.

 

Tra questo sito, il canale YouTube e le comunità Facebook e Telegram che ho creato, cerco di fornire quanti più aiuti possa dare ai principianti nel mio tempo libero, ma se cerchi una formazione mirata per imparare in modo metodico e chiaro teoria e tecniche su strumenti e software, allora puoi contattarmi per ricevere formazione diretta con lezioni in streaming.

 

Trovi le informazioni che ti servono in questa pagina.

il blog

Don`t copy text!

CONTATTAMI

contact us