Fotografare la Nebulosa Testa di Cavallo in HDR

Nebulosa Testa di Cavallo IC 434 IC 435 NGC 2023 NGC 2024 Orion B The star Alnitak ossigeno oiii h-alpha ha hdr Imparare Astrofotografia Fotografare la Nebulosa Testa di Cavallo IC 434
Luca Fornaciari Astrofotografia Fotografia Adobe

i miei contenuti ti aiutano?

Tutte le mie attività a tema astronomico sono sviluppate e condivise gratuitamente (ad esclusione dei corsi di formazione). Se apprezzi i miei contenuti esiste un modo gratuito per sostenermi: l‘iscrizione al canale YouTube o il mi piace sulla pagina Facebook potrà sembrarti superfluo, ma aiuta la diffusione dei contenuti che preparo e premia il mio impegno. E’ una motivazione a continuare e un piccolo gesto di apprezzamento. Grazie :)

Fotografare la Nebulosa Testa di Cavallo in astrofotografia può riservare diversi livelli di difficoltà e di risultato: oggi parliamo dell’HDR. L’esperienza che vi porto oggi è il racconto di un’immagine realizzata con una camera CMOS monocromatica, la ASI 294M, con diverse ore di scatti a differenti esposizioni.

Partiamo dall’immagine. Quello che vedete è un Ha:Oiii:RGB HDR, dove ho utilizzato un bicolor HDR in banda stretta composto da idrogeno e ossigeno ionizzati come luminanza principale, integrando poi la sessione RGB a banda larga per recuperare i colori persi nell’acquisizione selettiva.

Nebulosa Testa di Cavallo IC 434 IC 435 NGC 2023 NGC 2024 Orion B The star Alnitak ossigeno oiii h-alpha ha hdr Imparare Astrofotografia Fotografare la Nebulosa Testa di Cavallo IC 434
Sky-Watcher 200/800 | AZEQ6-GT | ZWO ASI 294MM Pro | Filtri Optolong Ha, Oiii, R, G, B. Sviluppato con PixInsight e Photoshop 2021
Ho iniziato a fare astrofotografia perché desideravo più di qualsiasi altra cosa poter fotografare la nebulosa Testa di Cavallo, un panorama della nostra galassia che mi ha sempre affascinato tantissimo.

Nel 2020 ho inaugurato l’inizio delle fotografie al cielo invernale dedicandomi proprio a questa zona, scattando per 6 notti (distribuite su 12 giorni) e realizzando un totale di quasi 34 ore di fotografie buone.

L’immagine credo si avvicini ai limiti di trasparenza del mio cielo, non è un’immagine confrontabile con chi ha possibilità di fare lunghe sessioni da cieli bui, ma sono soddisfatto.

La base di luminanza è stata fatta integrando poco meno di 24 ore di H-Alpha e Oiii, con una sessione HDR in H-Alpha e Oiii per recuperare i nuclei stellari di Alnitak e delle altre stelle più luminose. Successivamente ho dedicato due notti all’acquisizione in banda larga con singoli filtri RGB, raggiungendo un totale di circa 33 ore e 40 di immagini selezionate.

Perché fotografare la Nebulosa Testa di Cavallo in HDR?

Ci capita in generale di bruciare i nuclei stellari quando esponiamo a lungo per registrare bene le ombre. Ci sono però casi dove stelle molto grandi potrebbero peggiorare sensibilmente l’aspetto complessivo della nostra fotografia finale.

Pensate a Gamma Cassiopeiae:

Fantasmi di Cassiopea IC 63 e IC 59

Oppure a 52 Cygni:

astrofotografia sulla Nuova ASI 2400 MC Pro prime prove Nebulosa Scopa della Strega NGC 6960 asi 2400 rc tecnosky rc8 banda larga l-pro optolong nebulosa velo

E in questa classifica di stelle maligne non poteva certo mancare Alnitak! Il faro nella notte vicino alla nebulosa Testa di Cavallo.

Quando il nostro sensore non è in grado di digitalizzare tutta l’estensione della gamma dinamica presente nella scena, finiremo inevitabilmente per bruciare le luci. Ovviamente sarebbe ancora più grave preservarle andando a sottoesporre neri e ombre, poiché è lì che si trova l’oggetto deep sky da fotografare. Sarà sufficiente però aggiungere una sessione di scatti a esposizioni brevi per una corretta registrazione dei bianchi. Andando poi a montare in PixInsight un HDR che produrrà un’immagine con il meglio dei due master, potendo rappresentare così l’intera estensione della gamma dinamica originale.

PixInsight utilizzerà il master a pose brevi soltanto per riparare le parti bruciate del master a lunga posa.

Capite quindi bene che non serve acquisire sul campo ore e ore di scatti a tempi brevi, poiché di quel master finale verranno utilizzati soltanto i nuclei stellari, zone quindi con un rapporto segnale rumore estremamente elevato.

Nebulosa Testa di Cavallo IC 434 Ha HDR | ZWO ASI 294MM Pro Fotografare la Nebulosa Testa di Cavallo IC 434
H-Alpha HDR con ZWO ASI 294 MM Pro: 12h in totale – Optolong H-Alpha 7nm – Sky-Watcher 200/800

L’immagine sopra è l’HDR del canale H-Alpha, integrando cioè con il process HDR Composition di PixInsight i due master H-Alpha realizzati con tempi e gain differenti. Mentre dovrete integrare molto nella sessione “tradizionale” a lunga posa, esponendo correttamente le ombre e trascurando l’eventuale bruciatura dei bianchi, nella sessione di pose brevi faremo il contrario. Dovremo infatti realizzare pose brevi che non brucino i bianchi e potremo integrare un’ora o due soltanto.

Integrando gli HDR di H-Alpha e Oiii ho ottenuto questa immagine bicolor:

Nebulosa Testa di Cavallo IC 434 e Nebulosa Fiamma | Bicolor HOO con H-Alpha da 7nm e Oiii da 6.5nm | ZWO ASI 294MM Pro horsehead nebula Ha Ossigeno banda stretta alnitak hdr Fotografare la Nebulosa Testa di Cavallo IC 434

Nulla da dire sulla luminanza e su una stella Alnitak davvero gradevole, ma i colori di un bicolor risentono molto della selettività cromatica. Così ho concluso la serie di acquisizioni raccogliendo altre immagini con filtri a banda larga R, G e B. Nell’unione all’immagine bicolor, ho utilizzato l’RGB a banda larga soltanto come crominanza.

Ed ecco quindi ottenuta la nostra immagine finale, con una buona rappresentazione dei colori e anche dell’ampia gamma dinamica.

Nebulosa Testa di Cavallo IC 434 IC 435 NGC 2023 NGC 2024 Orion B The star Alnitak ossigeno oiii h-alpha ha hdr Imparare Astrofotografia Fotografare la Nebulosa Testa di Cavallo IC 434

Parlerò meglio dell’HDR in un articolo dedicato, ma ricorda: l’HDR è rapido da realizzare sul campo e migliorerà notevolmente la tua immagine finale. Storicamente gli esempi più famosi sono sulla Grande Nebulosa di Orione e sulla galassia di Andromeda, ma perché non farlo ogni volta per ripristinare i nuclei stellari? A voi la scelta!

Luca Fornaciari

Luca Fornaciari

Mi chiamo Luca Fornaciari e mi occupo di formazione grafica e fotografica.
Scopri di più sui miei corsi, eventi e servizi.

Cosa potrebbe aiutarti?

Sul sito trovi altri spunti che potrebbero esserti di aiuto in astrofotografia:

nel mio portfolio trovi le immagini suddivise per strumentazione (ottiche, filtri, camere astronomiche). Nella sezione download puoi scaricare i dark delle camere astronomiche CMOS che ho testato, mentre nella pagina dei moduli puoi calcolare rapidamente diverse grandezze utili per l’astrofotografia amatoriale.

prossimi eventi

I Prossimi Eventi

il blog

su youtube

su facebook

Conosci Astrofarm?

Da diversi anni mi do da fare per cercare di diffondere al meglio le tante informazioni che servono ad un principiante per avvicinarsi all’astrofotografia e crescere nella propria passione. Dal canale YouTube, gli articoli e la divulgazione sul territorio sono nate delle comunità online nelle quali ogni aspirante astrofotografo può trovare aiuto e assistenza.

Tutto questo progetto no-profit, libero, gratuito e slegato dalla rete commerciale, ha preso forma in un vero portale chiamato Astrofarm.

Sul sito di Astrofarm trovi tutto quello che negli anni io e ogni altro volontario che decida di sostenere il progetto abbiamo strutturato e organizzato per aiutare gli appassionati.

Trovi tutto qui, dai link alle nostre comunità, hai tanti canali YouTube, agli articoli e download di guide e materiale da scaricare. Ti aspettiamo!!

Don`t copy text!

contact us

Ti servono informazioni sui servizi e sugli eventi? Contattami!

Nebulosa Crescente NGC 6888 HOO bicolor astrofotografia

our adress:

Luca Fornaciari