Stacking sulla Velo: l’integrazione in astrofotografia

astrofotografia sulla Nuova ASI 2400 MC Pro prime prove Nebulosa Scopa della Strega NGC 6960 asi 2400 rc tecnosky rc8 banda larga l-pro optolong nebulosa velo
Luca Fornaciari Astrofotografia Fotografia Adobe

lezioni private e corsi in aula?

Mi dedico per professione alla formazione in campo grafico e fotografico da diversi anni, specializzato per passione nella fotografia notturna e nell’astrofotografia. Trovi tanti progetti e contenuti tra sito, canale YouTube e comunità Facebook e Telegram, ma se cerchi una formazione mirata per imparare in modo professionale e teoria e tecniche su strumenti e software, puoi visitare le pagine dedicate.

Stacking sulla nebulosa Velo: l’integrazione in astrofotografia quanto è importante?

Nel filmato di seguito ho animato lo stacking di diverse ore di immagini acquisite con un telescopio RC8 GSO Tecnosky e la camera ZWO ASI 2400 sulla nebulosa Velo NGC 6960. In assenza di scatti di calibrazione, dark e flat, lo scopo dell’animazione è quello di rappresentare il beneficio dell’integrazione in astrofotografia deep sky per il miglioramento del rapporto segnale/rumore (SNR) e la riduzione del rumore fotonico.

Come potrete vedere nel filmato, mentre l’integrazione di una manciata di frame porta già ad una notevole riduzione del disturbo percepito, dovuto principalmente allo shot noise (rumore fotonico), continuare ad integrare aumenterà poi qualità e profondità della nostra immagine.

In realtà il fenomeno che osserviamo dall’inizio alla fine risponde principalmente ad un semplice rapporto espresso in:

Dove N = al numero dei fotoni intercettati ed utilizzati dal sensore e dove il rapporto segnale/rumore (in questa condizione ideale priva delle fonti di disturbo prodotte dall’elettronica del sensore) è stabilito dal numero di fotoni intercettati ed utilizzati fratto la radice di sé stesso.

Stacking sulla Velo: l’integrazione in astrofotografia

Più integriamo e più il rumore fotonico avrà un peso inferiore rispetto al nostro segnale, rendendo “più certa” la posizione di ogni dettaglio della scena sulla nostra fotografia e contribuendo quindi nella rappresentazione di un’immagine che percepiremo qualitativamente migliore.

Un esempio semplice di un concetto basilare della fotografia digitale, ma determinante nell’astrofotografia di profondo cielo.

Trovi altri esempi su questo argomento qui:

Se vuoi vedere l’immagine finale della Velo e molte altre vai al mio Portfolio.

Luca Fornaciari

Luca Fornaciari

Formazione grafica e fotografica.
Scopri di più sui miei corsi, eventi e servizi.

Luca Fornaciari Astrofotografia Fotografia Adobe

i miei contenuti ti aiutano?

Tutte le attività a tema astronomico sono sviluppate e condivise gratuitamente (a esclusione dei corsi di formazione). Se apprezzi questi contenuti, con l‘iscrizione al canale YouTube o il mi piace sulla pagina Facebook sosterrai la loro diffusione. E’ una motivazione per me a continuare e un piccolo gesto di apprezzamento.

Cosa potrebbe aiutarti?

Sul sito trovi altri spunti che potrebbero esserti di aiuto in astrofotografia:

nel mio portfolio trovi le immagini suddivise per strumentazione (ottiche, filtri, camere astronomiche). Nella sezione download puoi scaricare i dark delle camere astronomiche CMOS che ho testato, mentre nella pagina dei moduli puoi calcolare rapidamente diverse grandezze utili per l’astrofotografia amatoriale.

Don`t copy text!

Contattami Per lezioni, eventi e collaborazioni

in caso di mancata risposta scrivi per sicurezza a lucafornaciari@outlook.com

Consigli per acquisti e utilizzo della strumentazione astronomica?

Non riesco a rispondere a tutte le richieste quotidiane che ricevo su consigli per gli acquisti e dubbi sull’utilizzo della strumentazione ma ho creato gruppi Facebook e Telegram nei quali cercare di aiutare tutti. Si chiamano Astrofarm e li trovi qui.

Cerchi lezioni in streaming?

Vista la quantità di richieste e in previsione dell’inizio degli eventi estivi di astronomia dove sarò in viaggio molto spesso, ho esteso l’orario di lavoro settimanale delle lezioni individuali a tutte le pause pranzo e ho incluso una sera a settimana che dedicherò a chi non ha altre possibilità. Gli orari di lezione individuale diventano quindi: dal lunedì al venerdì, dalle 9.00 alle 19.00 e ogni martedì sera dalle 20.00 alle 22.00.