Tutorial di elaborazione sulla Mineral Moon con Photoshop

Tutorial di elaborazione sulla Mineral Moon con Photoshop luna minerale adobe guida fotografia fotografare colori
Luca Fornaciari Astrofotografia Fotografia Adobe

lezioni private e corsi in aula?

Mi dedico per professione alla formazione in campo grafico e fotografico, specializzato per passione nella fotografia notturna e nell’astrofotografia. Se cerchi formazione mirata per imparare teoria e tecniche su strumenti, software, acquisizione, sviluppo e post produzione, puoi visitare la pagina dedicata alle lezioni.

In questo tutorial video vedrete un semplice esempio di elaborazione sulla Mineral Moon con Adobe Photoshop. Chiamata anche Luna minerale, questa particolare tecnica di sviluppo legata all’imaging planetario prevede di esaltare le differenze cromatiche della superficie lunare.

Lo sviluppo di una Luna minerale non prevede quindi nulla di troppo complesso, dalla strumentazione alle tecniche di sviluppo.

Se abbiamo realizzato una buona fotografia alla Luna, dovremo soltanto saturare i colori allo scopo di esaltare le differenze cromatiche sulla superficie date dalle diverse composizioni minerali.

Ho invitato l’amico Alessandro Biasia (autore anche dell’immagine) per raccontare in modo semplice e veloce uno dei tanti metodi per sviluppare in Photoshop una Luna Minerale. Vedrete quindi come separare visivamente la presenza di differenti minerali sulla superficie lunare dalle tonalità leggermente diverse.

La parte forse più importante nell’elaborazione della Mineral Moon è la corretta regolazione dei colori

I colori determineranno le tonalità che vedremo a seguito della saturazione, ma potrebbero assumere aspetti strani a causa di una non corretta regolazione in fase di sviluppo. Per il resto i passaggi sono davvero semplici e in questo filmato utilizziamo degli strumenti comprensibili anche a chi Photoshop non lo ha mai aperto prima.

Tutorial di elaborazione sulla Mineral Moon con Photoshop
Autore Alessandro Biasia

L’imaging planetario ha regole particolari rispetto a qualsiasi altro genere fotografico. Per contrastare gli effetti della turbolenza atmosferica (seeing) che confonde i dettagli nella fotografia ad alta risoluzione, si usa riprendere filmati ad alto frame rate (meglio farlo con camere astronomiche rispetto alle comuni reflex o mirrorless). Un’accurata selezione dei frame migliori sarà poi sommata per ottenere un’unica immagine finale grezza da elaborare.

I software più comuni per effettuare la selezione, l’integrazione e l’estrazione del segnale dai nostri filmati sono: Autostakkert, AstroSurface, Registax, e Pipp, tutti gratuiti.

Non vi resta quindi che tentare la vostra prima Luna minerale: esercitatevi ad acquisire una buona immagine, regolate correttamente i colori del negativo digitale in fase di sviluppo e saturate i colori. Con un po’ di pratica i risultati non tarderanno.

Tutorial di elaborazione sulla Mineral Moon con Photoshop

luca fornaciari

Formatore e fotografo freelance.

Fotografo professionista specializzato in astrofotografia e fotografia notturna. Nel 2019 premiato in Parlamento per le attività di divulgazione della fotografia astronomica. Lavoro come formatore e fotografo a 360° per aziende, professionisti e appassionati.

Luca Fornaciari Fotografia Astrofotografia e formazione
Luca Fornaciari Astrofotografia Fotografia Adobe

i miei contenuti ti aiutano?

Tutte le attività a tema astronomico sono sviluppate e condivise gratuitamente a esclusione dei corsi di formazione. Se apprezzi questi contenuti, con l‘iscrizione al canale YouTube o il mi piace sulla pagina Facebook sosterrai la loro diffusione. E’ una motivazione per me a continuare e un piccolo gesto di apprezzamento.

Don`t copy text!

Per lezioni, corsi, eventi e collaborazioni scrivi a:

lucafornaciari26@gmail.com

oppure a
lucafornaciari@outlook.com

benvenuto!

Quale link utile che potrebbe interessarti: